QUANDO

Lo studio della Translucenza si segue tra 11 e 13 settimane.In questo periodo possiamo sia studiare morfologicamente il feto nelle sue principali strutture (anticipando il controllo morfologico del II trimestre) che avere informazioni sul rischio di alterazioni cromosomiche di cui la metà sono costituite dalla trisomia 21 (Down) essendo le altre la  Trisomia 18 e 13. 
La lunghezza minima del feto deve essere di 45 mm e quella massima di 84 mm.Le ragioni per la scelta delle 11 settimane  come limite minimo sono:
  • A un metodo di screening richiede la disponibilità di un test diagnostico,in questo caso il prelievo dei villi coriali  eseguibile dopo le 11settimane.
  • B molte tra le anomalie strutturali fetali possono essere diagnosticate solo dopo 11 settimane.
Le ragioni per la scelta delle 13 settimane + 6 giorni come limite massimo sono:
  • A dopo la 13 settimana il fluido nella nuca tende a diminuire
  • B fornire ad una donna con feto affetto l'opzione di interrompere la gravidanza nel primo piuttosto che nel secondo trimestre.
Lo studio ecografico della translucenza viene associato ad un esame del sangue materno,per questo motivo il test assume il nome di duotest o test combinato /bi test /test integrato. La soluzione ottimale e'  presentarsi precocemente (9-11) settimane per eseguire il prelievo ematico e fissare in tale occasione la data ottimale per l'esame ecografico intorno a 12 settimane. In tale occasione la gestante avra' la risposta completa  della analisi del rischio (perche' l'esame ematico sara' gia' arrivato) e potra' decidere in tempo se eseguire eventalmente  la villocentesi.

ultimo aggiornamento: 2019-02-26 17:27:21